12.06.2019

Come scegliere lo zaino da trail/running

La pratica del trail richiede la disponibilità di materiale adatto alle proprie necessità e preferenze, ma soprattutto alla propria conformazione fisica.

Ti renderai subito conto che uno zaino personalizzato si rivela essenziale per il comfort, ma anche e soprattutto per il rendimento. Esistono molte varianti di zaini da running, alcuni dei quali sono anche dotati di sistemi compatibili con le sacche di idratazione. Di seguito trovi una serie di consigli che ti aiuteranno nella scelta dello zaino più adatto a te e alla tua pratica. Abbiamo raccolto diverse testimonianze di atleti del Team RaidLight di tutti i livelli, che ci hanno parlato delle loro esperienze dirette per quanto riguarda le sacche di idratazione per il running. In particolare, troverai i consigli di Nathalie MAUCLAIR (due volte Campionessa del Mondo e vincitrice dell’UTMB e del Grand Raid) e di Joël Archer (portavoce e membro attivo del Team).

Per scoprire i nostri prodotti espressamente concepiti per questa disciplina, visita il negozio on line RaidLight o direttamente uno dei nostri punti vendita.



I fattori essenziali nella scelta di uno zaino

Il sistema di idratazione per il trail è un elemento molto complesso. Ecco perché esistono diverse

Mountain



È obbligatorio provare lo zaino prima di acquistarlo?

Non c’è nulla di obbligatorio. Tuttavia, se hai la possibilità di provare uno zaino prima di acquistarlo, questo ti consentirà di determinare (o meno) i pochi fattori che ti sembrano importanti. In effetti, sebbene gli zaini RaidLight siano studiati per essere estremamente flessibili e confortevoli, provarli permette di scegliere quello o quelli che si adattano al meglio alla propria conformazione fisica.



 

PORTE-BIDONS
VOLUME DI IDRATAZIONE

A seconda delle distanze percorse e delle condizioni del trail che si intende affrontare, sarà indispensabile stabilire proporzionalmente la quantità di liquidi da portare con sé. Prima di partire per la corsa, informati su numero e frequenza dei punti di ristoro presenti lungo il percorso. Questo ti consentirà di ottimizzare quante risorse nutrizionali e idratanti sono indispensabili. In generale, abbiamo constatato che gli zaini contenenti 2 porta-borracce o borraccine da 600 ml sul davanti soddisfano in pieno le aspettative dei runner. A seconda delle distanze da percorrere, occorrerà però munirsi di più o meno materiale e in particolare dotarsi di una sacca idrica nel caso in cui sia necessaria una maggior capacità di idratazione. Assicurati sempre e comunque che la tua sacca di idratazione o le tue borracce siano compatibili con lo zaino o gli zaini!

VOLUME DI CONTENIMENTO


Il volume di contenimento va considerato tra i criteri discriminanti nella scelta dello zaino. Cerca di scegliere un volume sufficiente per il trail o i trail previsti, senza tuttavia esagerare per non correre il rischio di un sovraccarico inutile. In media, gli zaini RaidLight tra i 3 e i 12 litri di capacità possono diventare polivalenti, consentendovi di allinearvi alle necessità di diverse distanze.



Importanza delle tasche

È evidente che le tasche possono rivelarsi estremamente utili: basta osservare quanti “piccoli oggetti” sistemiamo inconsciamente nel quotidiano in tasche e taschini (tasche dei pantaloni o dello zaino, contenitori, ecc.). Perché allora privarsene durante la corsa? Gli zaini RaidLight per il running e il trail sono progettati con l’obiettivo delle prestazioni e pertanto sono attrezzati con tasche di facile accesso. Infatti, le tasche disposte sul davanti e sui lati consentono di accedere al materiale piccolo e grande senza perder tempo. A volte i dettagli più piccoli fanno una gran differenza. E noi l’abbiamo capito con l’esperienza!



Peso

Non lo ripeteremo mai abbastanza: controlla il peso dello zaino. Ai fini delle prestazioni finali, la gestione di quest’aspetto è davvero cruciale. Ma a cosa serve preoccuparsi di ottimizzare il carico dello zaino se è proprio lo zaino a non essere sufficientemente leggero? Persino i meno appassionati di matematica non potranno infatti negare la validità del semplice teorema in base al quale più è pesante lo zaino, più carico ci sarà da trasportare! Anche con un buon allenamento, questo genere di dettagli può fare la differenza negli ultimi chilometri di corsa, facendosi (letteralmente) pesante.



Accessori

Benché non si tratti di un criterio essenziale, conviene assicurarsi del potenziale dello zaino da running che si sceglie anche per quanto riguarda l’accessoriamento. Per prima cosa, dovrà disporre almeno di un taschino chiuso per conservare in sicurezza, per esempio, le chiavi dell’auto o piccoli documenti di identità. Inoltre, su alcuni trail ci sono materiali obbligatori, in particolare il fischietto di sicurezza: pertanto può rivelarsi interessante averne uno già agganciato alla sacca di idratazione. I sistemi porta-bastoncini proposti da RaidLight ti appariranno subito indispensabili perché di grande utilità effettiva. Attenzione, però, a non ingombrarsi con dotazioni “inutili”!

Anche avere uno zaino resistente è un vantaggio, perché ci potrà accompagnare serenamente per lungo tempo. Infine, l’ultimo potenziale fattore discriminante può essere il sistema di regolazione. RaidLight propone sistemi semplici, intuitivi e rapidi che aumentano il comfort durante l’uso e ottimizzano l’efficacia.



Consigli e opinioni dei membri del Team RaidLight

Tutti i trailer sono concordi nel sostenere che, per essere buono, uno zaino non deve più farsi percepire già dopo pochi chilometri di corsa, diventando anzi “una parte del corpo”. Per questo, provatelo e prendetevi il tempo necessario per regolarlo. Lo zaino è il primo compagno di un trail, quindi vale la pena dedicargli le dovute attenzioni prima di acquistarlo. Con RaidLight, lo hanno già fatto le squadre di runner, che si sono adoperate per offrire zaini di qualità che rispondano al meglio ai bisogni di quelli come loro.



 

Mountain



Qual è la tipologia di zaino RaidLight più adatta per me?

Come probabilmente avrai già avuto modo di constatare, RaidLight progetta diverse tipologie di zaini da running che vanno dai marsupi agli zaini più completi, passando per i gilet di idratazione. Facciamo allora un giro panoramico sulle nostre diverse gamme di zaini.



 

PORTE-BIDONS

PORTA-BORRACCE


I porta-borraccia RaidLight rappresentano una soluzione ideale per l’allenamento e la corsa veloce. Infatti, si tratta di strumenti che permettono di portarsi dietro il minimo indispensabile (barrette di cereali, chiavi dell’auto, oppure bastoncini da trail o bastoni telescopici). La speciale conformazione che aderisce al giro vita è di minimo ingombro e limita fortemente l’apporto di calore (insomma, un toccasana d’estate!).



 

Activ

GAMMA ACTIV


Per rispondere a tutte le vostre esigenze, gli zaini della linea Activ sono disponibili in diverse capacità: 3L, 6L, 9L, 12L e 20L. Sono articoli ideali per il trail running e rispondono, con i diversi volumi, a tutte le vostre necessità: dall'allenamento alle corse brevi, dai percorsi più lunghi fino anche alle Ultra! Questa gamma è perfetta per tutti i runners, anche per quelli alle prime armi. I gilet da corsa e gli zaini Activ sintetizzano in maniera perfetta praticità e stabilità: hanno molte tasche posizionate in modo strategico, perché voi abbiate sempre a portata di mano la vostra fonte di idratazione ed inoltre la distribuzione del peso è ottimizzata. Gli zaini Activ si avvalgono di un sistema di compressione estremamente efficiente: ad esempio la versione da 9L può essere compressa fino ad uno zainetto da 2L. Il risparmio di spazio è infatti un aspetto davvero importante per i trail runners! Infine, gli zaini-gilet Activ sono accessori progettati in forma di "giubottino" per offrire ancora maggior comfort e stabilità!



Responsiv
GAMMA RESPONSIV

Gli zaini della linea Responsiv sono leggeri e versatili. Concepiti e sviluppati pensando ai trail runner che vogliono raggiungere i loro obiettivi privilegiando il comfort, questi zaini da corsa sono progettati nelle versioni da 6L, 12L, 18L e 24L. Il sistema di regolazione micrometrica della fibbia così come le cinghie di compressione consentono a questi zaini di adattarsi al meglio alla forma del vostro corpo per un comfort davvero ottimale. L'estrema praticità e la capienza garantita dai numerosi scomparti rendono questi zaini ideali per percorsi di media e lunga distanza e per gare a tappe e Ultra.



 

Revolutiv

GAMMA REVOLUTIV


La gamma Revolutiv è nata per offrire le migliori performance! Zaini perfetti per le gare, capaci di soddisfare le esigenze degli atleti più esigenti. Il design di questi zaini consente loro di rimanere compatti anche quando sono stracolmi ed inoltre la pratica configurazione a gilet garantisce maggior comfort e stabilità durante la corsa. La versione da 3L, dal minimo ingombro, è estremamente pratica e sarà il vostro miglior alleato su percorsi brevi e impegnativi. Le versioni da 12L e 24L sono invece perfette quando dovete portare con voi tutta l'attrezzatura necessaria per corse lunghe o Ultra.

 





Riepilogo:

Gamma

In sintesi

Formati disponibili

Porta-borracce

I porta-borracce sono estremamente utili per conservare lo stretto necessario, ma limitano l’autonomia.

Marsupio

Zaini Activ

Le parole d'ordine di questa gamma sono praticità e stabilità: articoli comodi e adatti ad ogni tipo di corsa. Che siate alle prime armi o trail runner esperti, troverete il modello che fa per voi!

3L, 6L, 9L, 12L e 20L

Zaini Responsiv

Versatili, perfetti per tutti i tipi di trail runner, ideali sia per corse di media e lunga distanza, sia per corse a tappe e Ultra: gli zaini Responsiv sono estremamente pratici e capienti grazie ai tanti scomparti disponibili.

6L, 12L, 18L e 24L

Zaini Revolutiv

Una linea pensata per garantire performance ottimali ai trail runners e agli atleti più esigenti. Gli zaini RaidLight offrono un eccellente supporto e si adattano perfettamente al vostro corpo, permettendovi di portare con voi sui sentieri gli oggetti essenziali.

3L, 12L e 24L



Consigli e opinioni dei membri del Team RaidLight

Il consiglio di Nathalie MAUCLAIR: Assicuratevi che lo zaino sia adattato al corpo, evitando in particolare i punti di frizione e il dondolamento! Gli zaini RaidLight rispondono perfettamente a questi requisiti.

Il parere di Joël ARCHER: “Trovo che il Responsiv 10L sia perfetto: stabile, comodo, buon volume di contenimento, leggerissimo, semplice. Insomma, molto efficace!”



 

mountain



Quali sono le caratteristiche di uno zaino da running a seconda della distanza del trail?

I trail sono generalmente classificati in diverse categorie in base alla distanza (approssimativa): Percorso trail, trail corto, lungo, ultra… In ogni caso, l’essenziale è attrezzarsi in funzione dei parametri della corsa avendo lo spazio sufficiente per alloggiare tutto il necessario per il percorso senza tuttavia sovraccaricarsi. Riprendiamo insieme le diverse configurazioni di trail:



 

 

COURSE NATURE

PERCORSO TRAIL (< 20KM)


Sebbene avere uno zaino munito di sacca di idratazione, un gilet di idratazione per il trail o un marsupio porta-borracce non sia indispensabile per un percorso “semplice”, può comunque rivelarsi interessante. Nei periodi di forte calura, non ti pentirai di esserti portato appresso la sacca idrica! Non per altro, ma perché un marsupio porta-borracce permette di portarsi dietro l’idratazione, qualche vettovaglia e, perché no?, un posto dove conservare al sicuro le chiavi dell’auto o i documenti di identità. Tutto ciò tenendo sempre a mente di limitare l’ingombro e il conseguente aumento del calore (soprattutto in piena estate!).



 

TRAIL COURT

TRAIL “CORTO” (20 KM - 42 KM)


A seconda di usi e abitudini, alcuni preferiscono partire con un semplice marsupio, mentre altri privilegiano lo zaino. I trail definiti “corti” richiedono comunque la pronta disponibilità di riserve. Di conseguenza, disporre di idratazione e nutrizione supplementari sembra avere la sua importanza. Ti consigliamo inoltre di dotarti del materiale necessario o obbligatorio per alcune corse (l’eventuale lista del materiale obbligatoio viene comunicata dall’organizzazione del trail). Fai sempre in modo di garantirti la maggior leggerezza possibile, senza però metterti in pericolo scartando elementi che sono invece necessari. In media, abbiamo constatato che sono stati ampiamente raccomandati gli zaini da 3 o 10 litri della gamma Responsiv.



 

TRAIL LONG

TRAIL “LUNGO” (42 KM - 80 KM)


Maggiore è la distanza da percorrere, più i famosi “chili di troppo” potranno influire negativamente. In effetti, non dimenticare mai che sarai tu a dover portare tutto ciò che metti nello zaino! Di conseguenza, per ottimizzare lo sforzo in questo genere di disciplina, occorre fare attenzione a prendere lo stretto indispensabile insieme a materiale obbligatorio richiesto dall’organizzazione. Ancora una volta, gli zaini da trail da 3 e 10 litri della gamma Responsiv assecondano in pieno la ricerca di performance.



 

TRAIL ULTRA

TRAIL “ULTRA” (> 80 KM)


In proporzione allo sforzo richiesto e quindi alle risorse necessarie, i trail in versione “Ultra” richiedono uno spazio maggiore all’interno dello zaino da running rispetto a un trail classico. Con l’abitudine, avrai certamente già approntato un elenco personale di materiale da portarti dietro, al quale occorrerà prevedere l’aggiunta di tutto il materiale obbligatorio previsto dall’organizzazione dell’evento! A chi è più minimalista e cerca performance di nicchia consigliamo il Responsiv 3L, che presenta caratteristiche di alsissima qualità. Restano comunque indispensabili un reale allenamento e una perfetta conoscenza di se stessi e della pratica per potersi limitare a zaino di questa capacità (ovviamente più leggeri). In alternativa, sono perfettamente adatte anche le versioni dei nostri zaini da 10 a 15 litri!



Consigli e opinioni dei membri del Team RaidLight

Il consiglio di Nathalie MAUCLAIR: La cosa più importante è non sovraccaricarsi, altrimenti si parte con la palla al piede (e non è proprio il massimo per un trailer!). Fate in modo quindi di restare leggeri ma anche di sistemare bene il materiale in modo che sia facilmente accessibile.

Il parere di Joël ARCHER: “Bisogna portarsi dietro il minimo per non sovraccaricarsi. È preferibile scegliere lo zaino in base all’elenco del materiale obbligatorio e necesssario”.



Mountain



Come preparare e ottimizzare lo zaino

Per quanto tu abbia scelto uno zaino performante, in mancanza di un buon metodo per collocare al suo interno il materiale non riuscirai a sfruttarlo efficacemente. Di seguito ti diamo alcuni suggerimenti per preparare dello zaino ottimizzando la disposizione degli oggetti.



Riempimento: in quale ordine e dove sistemare l’occorrente?

Ora che hai capito quanto sia essenziale disporre di uno zaino il più leggero possibile, sappi che è altrettanto imporante che il suo peso sia ben distribuito al fine di evitare sbilanciamenti. Inoltre, la disposizione degli oggetti al suo interno va pensata in modo tale da essere efficace il giorno della corsa: quelli soggetti ad un uso più frequente dovranno risultare facilmente accessibili per guadagnare tempo. Disponi per prima la sacca di idratazione (se la utilizzi). In fondo disponi ciò che non prevedi di utilizzare (per esempio, in piena estate: pantaloni lunghi, giacca, ecc.) e al disopra ciò che sarai portato a utilizzare regolarmente (casco, occhiali, guanti, giacca anetivento, ecc.). Infine, sfrutta gli alloggiamenti anteriori dello zaino per sistemare quello di cui avrai bisogno sicuramente: borracce, barrette di cereali, torcia frontale, bastoni. Ovviamente sta a te adattare questa sistemazione in funzione delle tue necessità personali e delle condizioni meteo!



 

PORTE-BIDONS
RIEMPIMENTO: IN QUALE ORDINE E DOVE SISTEMARE L’OCCORRENTE?

Nell’ottica di RaidLight di rispondere sempre al meglio alle esigenze dell’utilizzatore finale, abbiamo creato un sistema per il trasporto in vita dei bastoni, previsto nella maggior parte dei nostri zaini e in particolare nella gamma Responsiv. Si tratta ad oggi della soluzione più rapida ed efficace per la sistemazione dei bastoncini. Su alcuni modelli è anche possibile scegliere di trasportarli sul retro dello zaino da running se questo è attrezzato con cinghie di compressione.

LA MESSA A PUNTO DELLE REGOLAZIONI


Prima di indossare lo zaino, bisogna riempirlo. Questo ti consentirà di apportare le regolazioni necessarie direttamente nelle condizioni reali, perché se hai preso uno zaino è per metterci qualcosa dentro! In primo luogo, regola le cinghie anteriori (sia quella in vita che quella pettorale). In un secondo momento potrai regolare il fianco grazie al sistema Freelock o ai nostri sistemi di regolazione micrometrica. Rispettando quest’ordine di intervento, potrai mettere a punto in maniera precisa la “calzata” del tuo zaino da trail nel rispetto della tua conformazione fisica, con l’obiettivo ideale di fare un tutt’uno con esso. Diversi atleti consigliano di chiudere bene lo zaino alla partenza per impedire eventuali dondolamenti, affinando poi le regolazioni man mano durante la corsa a seconda delle sensazioni percepite. Tuttavia, non dimenticare mai che ciascuno ha una propria conformazione fisica e quindi una propria “calzata” ottimale.



Precauzioni particolari da adottare il giorno della corsa

Il contenuto e quindi la disposizione all’interno dello zaino da running possono variare da una stagione all’altra, ma anche semplicemente da un giorno all’altro, a seconda del meteo, della distanza, del dislivello o del numero o della frequenza dei punti di ristoro disposti sul percorso (l’elenco non è completo). In ogni caso, è importante verificare di aver regolato bene lo zaino una volta carico e di aver predisposto una collocazione studiata degli elementi al suo interno, che sia coerente con la stagione e le condizioni meteo. In corsa, sarai pressato dal tempo, stai quindi attento a non perdere il materiale nella fretta di prendere qualcosa all’interno dello zaino! (e se te lo diciamo, vuol dire che è successo...).



Consigli e opinioni dei membri del Team RaidLight

È importante fare un elenco completo del materiale necessario per la corsa (o l’obiettivo finale), quindi sistemare il tutto con metodo all’interno dello zaino da trail / running facendo attenzione a bilanciare i carichi e a non sovraccaricarsi. Non dimenticare di lasciare facilmente accessibile ciò di cui si avrà maggiormente bisogno. Allenarsi preventivamente 2-3 volte alle “condizioni di gara” (= con lo zaino carico) è indispensabile per mettere alla prova uno sforzo che sia coerente con la scadenza finale. Infine, non allenarsi soltanto a correre con lo zaino riempito sulle spalle, ma anche ad estrarre il materiale necessario in pieno allenamento per cercare di automatizzare il procedimento ed essere più efficaci il giorno della corsa.



Caricamento in corso